PRESENZA DIEhrlichia (HGE) IN Ixodes ricinusNEL BELLUNESE

Le ehrlichie, batteri intracellulari obbligati, dimostrabili in immotiti e macrofagi, granulociti o piastrine sono responsabili di una malattia febbrile sistemica nell”uomo e in alcuni animali selvatici e domestici. Vengono trasmesse da alcune specie di zecche che si infettano su ospiti intermedi selvatici. La prima osservazione risale al 1987. Alcuni casi di ehrlichiosi nell”uomo, malattia oggi ritenuta una zoonosi emergente, sono stati osservati in alcune aree europee note con endemia di borreliosi. Nell”uomo l”ehrlichiosi monocitica (HME) è causata daE. chaffeensis, e l”ehrlichiosi ganulocitica (HGE) è causata da ehrlichie correlate a E. equi e a £.phagocytophila.

Scopo del lavoro. Nell”ambito di un progetto interregionale di cooperazione Veneto-Carinzia, l”Osservatorio per lo studio, la sorveglianza e la prevenzione delle infezioni trasmesse da zecche, istituito dallUX-S.S. n°l, ha condotto nel corso dell”anno 2000 una campagna di raccolta dei parassiti in alcune aree del Bellunese. Ciò come indagine preliminare ad un più ampio monitoraggio che permetta, anche attraverso l”utilizzo di un sistema geografico informatizzato (GIS), di tracciare le mappe di rischio di contatto con i parassiti trasmettitori e la presenza in essi degli agenti patogeni.

Materiali e Metodi. Sono state esaminate 951 zecche: 515 larve (54%), 395 ninfe (42%), 41 adulti, 28 maschi e 13 femmine, ottenute da sei campionamenti ripetuti tra marzo e settembre su quindici stazioni individuate nell”Agordino. Per la raccolta è stato utilizzato il metodo della “coperta strisciata” (dragging sample). Le zecche venivano raccolte e conservate in alcool etilico al 70% a 4°C. Gli estratti di DNA, ottenuti con il metodo del fenolo/cloroformio per gli adulti, e con il metodo di Schoultz per ninfe e larve, vennero amplificati con i primer 16a/16b specifici per il DNA mitocondriale di Ixodes, come controllo della fase di estrazione (Matuschka, 1996), e con iprimer Ehr521/Ehr747capaci di amplificare una regione variabile della sequenza del gene 16S rRNA diE. equi, E. phaghocytophila e HGE (Pancholi, 1995).

Risultati. L”indagine ha consentito di individuare 31 esemplari positivi per Ehrlichia, 30 ninfe e 1 femmina. Il 3,26% delle zecche in esame sono risultate positive, appartenendo queste quasi totalmente allo stadio di ninfa, nel cui ambito la positività risultava del 7,59%.

Conclusioni. Le aree in cui abbiamo dimostrato la positività per Ehrlikia in Ixodes ricinus raccolti nella Provincia di Belluno sono le stesse già note per la presenza di Borrelia burgdorferi e TBEV. In Europa la prevalenza in /. ricinus di batteri del genogruppo E. phagocytophila è segnalata dello 0.8% negli adulti in Svizzera (Pusterla et al., 1998) e del 3.2 % in Slovenia (Petrovec et al., 1999), del 3,1 e del 9,2 nelle ninfe della costa Est ed Ovest della Svezia (Von Stedingk et al., 1997). In un”area del centro Italia è stata riportata una prevalenza del 24,4% nelle ninfe (Cinco et al., 1997).

Progetto – Cooperazione interregionale Veneto-Carinzia per lo studio, la sorveglianza e la prevenzione delle infezioni trasmesse da zecche – DGRV n° 3739/99 cod.”AVEN222057″ – cofinanziato dall”Unione Europea fondo FEOGA nell”ambito del Programma Operativo INTERREGII Italia-Austria.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 21 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*